Home > Riviste > Minerva Chirurgica > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 1999 Aprile;54(4) > Minerva Chirurgica 1999 Aprile;54(4):245-50

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CHIRURGICA

Rivista di Chirurgia


Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,877


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Chirurgica 1999 Aprile;54(4):245-50

lingua: Italiano

Attualità nel trattamento degli ascessi intraddominali

Vadalà G., Caragliano V., Castorina R., Caragliano L., Caragliano P.


PDF  


Obiettivo. Gli ascessi intraddominali rappresentano a tutt'oggi una complicanza assai grave nella chirurgia gastroenterologica per l'alta morbilità e mortalità che essi comportano.
Metodi. Gli Autori riferiscono sulla loro esperienza maturata dal gennaio 1990 al gennaio 1996 su 11 pazienti trattati affetti da ascessi intraddominali secondari ad intervento chirurgico eseguito in urgenza di cui 10 per intervento di chirurgia gastroenterologica ed 1 secondario a intervento ginecologico. Dopo l'identificazione della lesione previa ecografia-TAC, si procedeva al loro svuotamento, lavaggio con antibiotico e drenaggio eco-TAC guidato con la tecnica di Seldinger. Le raccolte di piccole dimensioni (minori di 5 mm) venivano completamente aspirate.
Risultati. I risultati ottenuti sono stati: innanzi tutto la scomparsa immediata del dolore e della febbre, miglioramento delle condizioni generali, ripristino della canalizzazione con chiusura della cavità ascessualizzata (in media tra i 10 e i 15 giorni).
Conclusioni. In conclusione attualmente il drenaggio eco-TAC guidato degli ascessi intraddominali postoperatori, ai quali prima era riservato un trattamento chirurgico, mediante l'utilizzo dei mezzi diagnostici per immagini quali l'ecografia e la TAC sembra essere il migliore trattamento consentendone una riduzione della morbilità e della mortalità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail