Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2014 February;62(1) > Minerva Cardioangiologica 2014 February;62(1):71-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2014 February;62(1):71-82

lingua: Inglese

Tomografia a coerenza ottica come strumento di ricerca e guida per lo stent coronarico con lo scaffold riassorbibile e biodegradabile ABSORB

Mattesini A. 1, 2, Pighi M. 1, Konstantinidis N. 1, Ghione M. 1, Kilic D. 1, Foin N. 3, Dall’Ara G. 1, Secco G. G. 4, Valente S. 2, Di Mario C. 1

1 NIHR Biomedical Research Unit Royal Brompton & Harefield NHS Foundation Trust, London, UK;
2 Interventional Cardiology Unit Department of Heart and Vessels Florence University, AOU Careggi, Florence, Italy;
3 National Heart Centre Singapore, Singapore;
4 University of Eastern Piedmont “Maggiore della Carità” Hospital, Novara, Italy


PDF  


L’imaging intracoronarico con tomografia a coerenza ottica (optical coherence tomography, OCT) è una metodica ad alta risoluzione che ha contribuito notevolmente alla comprensione della risposta vascolare dopo procedure di interventistica percutanea coronarica. Inoltre l’OCT sta acquisendo un ruolo importante anche nella pratica quotidiana grazie alle informazioni che può fornire nel corso delle procedure di angioplastica con impianto di stent. Gli stent completamente riassorbibili, spesso noti come scaffold, rappresentano l’ultima innovazione disponibile per la rivascolarizzazione coronarica percutanea. L’analisi con OCT degli scaffold a polimero riassorbibile presenta diversi vantaggi rispetto a quella degli stent con piattaforma metallica. Il materiale che compone le maglie degli stent a polimero riassorbibile sono trasparenti alla luce rendendo possibile una precisa valutazione dell’integrità dello scaffold, della presenza di trombo o iperplasia e della apposizione a parete delle maglie. In questo lavoro proponiamo una revisione completa della letteratura riguardante l’impiego dell’OCT nella fase preclinica di sviluppo dello stent a polimero riassorbibile ABSORB. Riportiamo inoltre la nostra iniziale esperienza in 47 lesioni complesse di impianto dello stent riassorbibile ABSORB con ausilio dell’OCT.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

c.dimario@rbht.nhs.uk