Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2013 Dicembre;61(6) > Minerva Cardioangiologica 2013 Dicembre;61(6):691-700

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2013 Dicembre;61(6):691-700

 REVIEW

Sistemi di assistenza ventricolare

Tarantini G. 1, Fraccaro C. 1, Napodano M. 1, Buja P. 1, Tarzia V. 2, Isabella G. 1, Gerosa G. 2, Iliceto S. 1

1 Department of Cardiac, Thoracic and Vascular Sciences, Cardiology Clinic, University of Padua, Padua, Italy;
2 Unit of Cardiac Surgery, Department of Cardiac, Thoracic and Vascular Sciences, University of Padua, Padua, Italy

Nonostante negli ultimi vent’anni siano stati fatti grandi passi avanti nel trattamento dello scompenso cardiaco con miglioramenti della sua storia naturale, questa condizione clinica continua a rappresentare ancor oggi la principale causa di morbidità e mortalità. Anche se la disponibilità di donatori per il trapianto si è ridotta nel corso degli ultimi anni, le innovazioni tecnologiche nel campo dei sistemi di assistenza ventricolare (VAD) hanno fornito un’opzione terapeutica alternativa per i pazienti con scompenso cardiaco in stadio avanzato. Introdotti come opzione meccanica “bridge” per supportare pazienti estremamente critici in attesa di trapianto cardiaco, i sistemi VAD sono stati sempre più utilizzati come “destination therapy” per fornire un supporto a lungo termine. Con il progresso tecnologico che ha permesso di migliorare l’affidabilità meccanica, ridurre la morbilità post-operatoria e aumentare di conseguenza la probabilità di accettazione da parte del paziente, c’è un interesse ad espandere l’applicabilità dei sistemi VAD appunto come “destination therapy”, al di là dell’attuale indicazione, in pazienti gravemente malati che non siano candidabili al trapianto. Questa Review prende in esame il razionale, nonché i dettagli tecnici delle diverse generazioni di VAD per il supporto meccanico cardiaco, impiantati sia chirurgicamente che per via percutanea. Questi dispositivi sono attualmente a vari stadi di sviluppo e di ricerca clinica. Uno o più di questi dispositivi più recenti è probabile che emergono come una importante evoluzione nel trattamento dei pazienti con insufficienza cardiaca avanzata.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina