Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2013 December;61(6) > Minerva Cardioangiologica 2013 December;61(6):665-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2013 December;61(6):665-73

lingua: Inglese

Variazione ponderale dopo una sola visita clinica di cardiologia preventiva

Cullen M. W., Thomas R. J., Behrenbeck T. R.

Department of Internal Medicine, Division of Cardiovascular Diseases, Mayo Clinic, Rochester, MN, USA


PDF  


Obiettivo. L’effetto di una sola visita clinica cardiovascolare (cardiovascular health clinic, CVHC) sulla variazione ponderale rimane sconosciuto. Il nostro studio ha esaminato gli effetti di una visita di questo tipo sui soggetti sottoposti a valutazioni mediche e preventive.
Metodi. Lo studio ha esaminato 836 soggetti con un BMI basale >25 kg/m2 e un peso al follow-up ad almeno 6 mesi dalla visita iniziale. I pazienti con cardiopatia attiva sono stati esclusi. I dati sono stati ottenuti attraverso la revisione della cartella clinica. Lo studio ha incluso 342 pazienti con un peso medio basale di 93,1 kg e un BMI di 31 kg/m2.
Risultati e conclusioni. Il peso medio successivo era di 92,4 kg, che rappresenta una perdita ponderale pari a 0,76 kg (P=0,005). I soggetti con un peso precedentemente documentato hanno dimostrato una tendenza verso l’aumento ponderale prima della visita basale. La perdita media ponderale era maggiore quando il referente documentava una diagnosi peso-correlata o un piano in proposito (-1,63 versus -0,23 kg, P=0,01), quando la visita CVHC era effettuata da un medico anziché da un dietologo (-1,50 versus 0,03 kg, P=0,004) e quando il referente CVHC documentava una diagnosi peso-correlata (-1,39 versus -0,18 kg, P=0,02) o la raccomandazione di cambiamenti dietetici (-1,09 versus 0,75 kg, P=0,01). I soggetti sottoposti a una valutazione preventiva manifestavano una minore perdita ponderale media (-0,13 versus -1,49 kg, P=0,02). Una visita sola in CVHC invertiva la tendenza verso l’aumento ponderale. Le caratteristiche associate alla perdita di peso erano il riferimento per problemi di peso, la visita di un medico e le raccomandazioni dietetiche. I pazienti sottoposti a valutazione medica manifestavano una maggiore perdita ponderale rispetto ai partecipanti a un programma di prevenzione sanitaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

cullen.michael@mayo.edu