Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2013 August;61(4) > Minerva Cardioangiologica 2013 August;61(4):407-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

  TAVI 2013: UN AGGIORNAMENTO


Minerva Cardioangiologica 2013 August;61(4):407-27

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Tomografia computerizzata multidetettore nell’impianto transcatetere di protesi aortica: un update

Al-Hassan D. 1, Blanke P. 2, Leipsic J. 3

1 Department of Diagnostic Radiology King Fahd Military Medical Complex Dharan, Kingdom of Saudi Arabia; 2 Department of Diagnostic Radiology University Hospital Freiburg, Freiburg, Germany; 3 Department of Medical Imaging and Division of Cardiology, St. Paul’s Hospital University of British Columbia Vancouver, Canada


PDF  


La stenosi aortica degenerativa calcifica rappresenta la forma più comune di alterazione valvolare, con un’incidenza in aumento nella popolazione anziana. Gli studi hanno dimostrato che la stenosi aortica è una condizione patologica fatale associata ad un tasso elevato di morte cardiovascolare, se non trattata. Tuttavia, a causa delle molteplici comorbilità associate, molti pazienti sono ad alto rischio se sottoposti a sostituzione chirurgica della valvola aortica, che storicamente rappresenta il trattamento di prima scelta. Negli ultimi anni l’impianto transcatetere di protesi aortica (transcatheter aortic valve implantation, TAVI) ha mostrato rapidi progressi: oltre 50’000 procedure di TAVI sono state realizzate in 40 Paesi diversi con prognosi eccellente, a dimostrazione della fattibilità della TAVI come alternativa alla sostituzione chirurgica della valvola aortica per il trattamento dei pazienti ad alto rischio. Accanto al criterio dell’idoneità clinica, l’imaging riveste un ruolo fondamentale sia per la selezione ottimale dei pazienti, sia per la scelta della protesi appropriata e per la riduzione della probabilità di complicanze ed eventi avversi. Fondamentale per il successo della procedura è la valutazione non invasiva dell’anello aortico, la valutazione della radice aortica e la determinazione dell’accesso all’anello aortico. Tra le diverse metodiche di imaging che sono state utilizzate, la tomografia computerizzata multidetettore (multidetector computed tomography, MDCT) ha un impiego sempre più diffuso in quanto consente di determinare con visualizzazione tridimensionale (3D) la conformazione non circolare dell’anello aortico e la complessa anatomia della radice aortica. Inoltre, la MDCT permette una valutazione approfondita dell’integrità strutturale della protesi aortica transcatetere, il controllo della localizzazione della protesi introdotta mediante TAVI e l’identificazione della complicanze successive alla procedura. In questo articolo, viene esaminato l’attuale ruolo della MDCT nella valutazione pre-TAVI, come metodica di guida durante la procedura, e nella fase successiva di follow up.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

JLeipsic@providencehealth.bc.ca