Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2013 April;61(2) > Minerva Cardioangiologica 2013 April;61(2):243-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2013 April;61(2):243-54

lingua: Inglese

Dallo stent con polimero biodegradabile allo stent privo di polimero. Evidenza clinica

Navarese E. P. 1, Castriota F. 1, Sangiorgi G. M. 2, Cremonesi A. 1

1 Interventional Cardio-Angiology Unit, GVM Care and Research, Cotignola, Ravenna, Italy;
2 Department of Cardiology, Policlinico Tor Vergata, Rome, Italy


PDF  


La procedura di angioplastica coronarica con impianto di stent rappresenta un importante passo nel trattamento della malattia arteriosa coronarica. Gli stent con polimero biodegradabile e in assenza di polimero costituiscono una recente innovazione nel campo della ricerca sugli stent coronarici. In questo articolo discutiamo questa nuova tecnologia di stent alla luce della recente letteratura sull’argomento, confrontandola con gli stent a rilascio di farmaco tradizionali, mettendone in risalto vantaggi, svantaggi e potenziali prospettive future.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

eliano.navarese@alice.it