Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 Dicembre;60(6) > Minerva Cardioangiologica 2012 Dicembre;60(6):581-91

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2012 Dicembre;60(6):581-91

 ARTICOLI ORIGINALI

Valutazione della dissincronia sistolica e diastolica del ventricolo sinistro mediante ecocardiografia con Doppler tissutale in pazienti con insufficienza cardiaca e complesso QRS stretto

Aydin M. 1, Demircan N. 2, Cam F. 1, Dogan S. M. 1, Yildirim N. 1, Karabag T. 1, Aktop Z. 1, Sayin M. R. 1

1 Department of Cardiology, Zonguldak Karaelmas University, School of Medicine, Zonguldak, Turkey;
2 Department of Family Medicine, Zonguldak Karaelmas University, School of Medicine, Zonguldak, Turkey

Obiettivo. La dissincronia cardiaca è un’entità ben nota in pazienti con complesso QRS allargato (>120 ms). La dissincronia può anche provocare una disfunzione ventricolare in pazienti con insufficienza cardiaca e complessi QRS stretti. Il presente studio valuta la presenza e l’entità della dissincronia cardiaca in pazienti con insufficienza cardiaca e complessi QRS allargati e stretti utilizzando l’ecocardiografia con Doppler tissutale (EDT).
Metodi. Quarantanove pazienti con insufficienza cardiaca sono stati inclusi nello studio. Il primo gruppo di 30 pazienti presentava una durata del QRS <120 ms (23 M; età media: 64±10,1 anni) mentre il secondo gruppo era composto di 19 pazienti con durata del QRS >120 ms (12M; età media: 65±11,6 anni). Al fine di esaminare la sincronizzazione cardiaca è stata effettuata l’EDT ed è stata calcolata la dissincronia intraventricolare e interventricolare, sistolica e diastolica. Al fine di definire la dissincronia sistolica e diastolica, il ritardo intraventricolare è stato accettato per >60 ms mentre quello interventricolare è stato accettato per >40 ms.
Risultati. La dissincronia sistolica ventricolare sinistra è stata rilevata in 18 pazienti (60%) nel gruppo con QRS stretto e in 18 pazienti (94%) nel gruppo con QRS allargato. La dissincronia interventricolare è stata osservata in 17 pazienti (56%) nel gruppo con QRS stretto e in 18 pazienti (94%) nel gruppo con QRS allargato. Per quanto concerne la dissincronia sistolica, sono state osservate correlazioni tra ritardo intraventricolare e durata del QRS (r=0,48), diametro telediastolico del ventricolo sinistro (r=0,62), diametro telesistolico del ventricolo sinistro (r=0,61) e FE (r=-0,63). In maniera analoga, sono state osservate correlazioni tra ritardo interventricolare e durata del QRS (r=0,58), diametro telediastolico del ventricolo sinistro (r=0,65), diametro telesistolico del ventricolo sinistro (r=0,64) e FE (r=-0,64).
Conclusioni. Il presente studio suggerisce che la dissincronia sistolica o diastolica è presente nonostante livelli di durata del QRS nella norma.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina