Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 Giugno;60(3) > Minerva Cardioangiologica 2012 Giugno;60(3):331-46

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2012 Giugno;60(3):331-46

CARDIOLOGIA NUCLEARE 

Prognosi dell’angiografia coronarica con TC

Gauthier N. 1, 2, Dwivedi G. 1, 2, McArdle B. 1, 2, Chow B. J. W. 1, 2

1 Division of Cardiology, University of Ottawa Heart Institute, Ottawa, ON, Canada;
2 Department of Radiology University of Ottawa Heart Institute and The Ottawa Hospital, Ottawa, ON Canada

La tecnica in rapida diffusione dell’angiografia coronarica con tomografia computerizzata (CTA) ha favorito la valutazione anatomica delle coronaropatie. La CTA ha una grande precisione diagnostica nell’abilità di discernere tra coronaropatie ostruttive e non ostruttive e fornisce informazioni sulla presenza della calcificazione coronarica, oltre che sulla funzione ventricolare destra. Negli ultimi anni, numerosi studi prognostici hanno esaminato i vantaggi in termini di esiti dei diversi indici di punteggio nel pronosticare eventi cardiaci acuti. Il seguente articolo passerà in rassegna la più recente letteratura disponibile sull’utilizzo della CTA nella misurazione delle stenosi luminali, identificando CAD ostruttive ad alto rischio, punteggio delle placche di calcio e funzione VS, tutti in diversi modelli, con il loro impatto sulla stima del rischio clinico. Dati più recenti provenienti da un ampio registro multicentrico supportano il beneficio incrementale della gravità CAD e della frazione di eiezione del ventricolo sinistro quali fattori predittivi indipendenti della prognosi. Future direzioni e applicazioni emergenti come l’utilità della CTA associata all’analisi della perfusione possono portare a un nuovo test diagnostico anatomico-funzionale che potrebbe fornire una valutazione ottimale e non-invasiva dell’anatomia dell’arteria coronarica ed essere superiore all’angiografia coronarica invasiva.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina