Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 Giugno;60(3) > Minerva Cardioangiologica 2012 Giugno;60(3):291-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2012 Giugno;60(3):291-7

lingua: Inglese

L’uso del sistema Renalguard nei pazienti ad alto rischio per nefropatia da mezzo di contrasto

Briguori C.

Laboratory of Interventional Cardiology, Department of Cardiology, Clinica Mediterranea, Naples, Italy


PDF  


L’insufficienza renale acuta dovuta alla somministrazione di mezzo di contrasto iodato rappresenta la terza causa d’insufficienza renale acuta intra-ospedaliera. Il REMEDIAL II è un trial randomizzato, multicentrico, disegnato per dimostrare l’efficacia del sistema RenalGuard nei pazienti ad alto rischio di nefropatia da contrasto (cioè pazienti con filtrato glomerulare ≤30 ml/min/1,73 m2 e/o un punteggio di rischio ≥11). I pazienti arruolati sono stati randomizzati in due gruppi: 1) infusione di bicarbonato di sodio ed N-acetilcisteina (Gruppo di controllo) o 2) trattamento con sistema RenalGuard (Gruppo RenalGuard). La nefropatia da contrasto (definita come un incremento della creatininemia ≥0,3 mg/dL entro 48 ore dalla procedura) è stata osservata in 16/146 pazienti nel gruppo RenalGuard (11%) e in 30/146 pazienti nel gruppo di controllo (20,5%) (P=0,025; OR=0,47; 95% CI=0,24-0,92). In conclusione, il sistema RenalGuard rappresenta una strategia efficace nel prevenire la nefropatia da contrasto in pazienti ad alto rischio.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

carlobriguori@clinicamediterranea.it