Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 Aprile;60(2) > Minerva Cardioangiologica 2012 Aprile;60(2):237-55

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2012 Aprile;60(2):237-55

 REVIEW

Strumenti tecnologici utilizzati negli interventi percutanei periferici

Anaya-Ayala J. E., Chen G. J., Davies M. G., Lumsden A. B.

Department of Cardiovascular Surgery, Methodist DeBakey Heart, Vascular Center, Methodist Hospital, Houston, TX, USA

Importanti innovazioni e nuovi approcci all’arteriopatia occlusiva periferica hanno apportato benefici enormi al paziente vasculopatico. Patologie che una volta erano affrontabili esclusivamente con un trattamento chirurgico, ora possono essere facilmente trattate con successo con procedure mini-invasive. Mentre i primi interventi percutanei hanno portato all’invenzione e allo sviluppo di nuovi dispositivi, oggi si punta piuttosto ad utilizzare le moderne tecnologie e tecniche di fabbricazione per migliorare ulteriormente i dispositivi esistenti. I miglioramenti apportati ai fili guida e ai cateteri ci hanno permesso di visualizzare e trattare lesioni localizzate praticamente in qualunque vaso, e la tecnologia ci sta guidando verso applicazioni specialistiche per lesioni specifiche in vasi specifici. Tuttavia, uno dei problemi importanti che ancora condizionano il trattamento delle arteriopatie occlusive è rappresentato dalla percentuale di ristenosi e dalla necessità di reintervento. La posizione e l’architettura di questi vasi li rende particolarmente difficili da trattare, e richiede il supporto di nuove tecnologie che permettano di fare fronte a queste problematiche specifiche. L’attuale sviluppo di stent medicati e stent bioassorbibili rappresenta l’avanguardia delle ultime innovazioni specificatamente dirette a migliorare la pervietà e il tasso di ristenosi. Probabilmente, il prossimo passo nel campo degli interventi percutanei sarà legato alle nanotecnologie e all’ingegneria molecolare, settori che potrebbero dare vita a una nuova generazione di dispositivi in grado di intervenire su specifici leganti cellulari o proteine per prevenire la risposta infiammatoria e proliferativa dei vasi. Questa review prende in considerazione la letteratura attualmente esistente sugli strumenti tecnologici impiegati negli interventi percutanei periferici e sulle loro applicazioni cliniche. I futuri sviluppi dell’ingegneria dei materiali e delle biotecnologie miglioreranno ulteriormente lo standard attuale degli interventi percutanei per le arteriopatie occlusive periferiche.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina