Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1) > Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1):23-31

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

  CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA


Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1):23-31

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Vantaggi del nuovo sistema di stent coronarico medicato con sirolimus BioMime™. Un passo avanti verso la biomimetica

Upendra K. 1, Sanjeev B. 2

1 Executive Director and Dean, Fortis Escorts Heart Institute and Research Centre, New Delhi, India
2 Meril Life Sciences Pvt. Ltd., Vapi, India


PDF  


Sin dal primo utilizzo riportato di angioplastica coronarica percutanea (percutaneous transluminal coronary angioplasty, PTCA), i progressi nell’area della cardiologia interventistica si sono succeduti a ritmo elevato. Nell’ultimo decennio, tali sviluppi sono stati esponenziali. Sviluppatori e medici si stanno adattando in fretta alla curva di apprendimento conferita dal decorso temporale dell’evoluzione degli stent medicati. Da questo punto di vista, lo stent coronarico medicato con sirolimus BioMimeTM rappresenta un passo in avanti degli stent verso un concetto di biomimetica. Lo stent è costruito su una piattaforma in lega di cromo-cobalto, di spessore ultra sottile (65 µm), utilizzando un ibrido intelligente di celle aperte e chiuse che permettono l’espansione mediata dalla morfologia, e utilizza un ben noto agente antiproliferativo, il sirolimus, il quale eluisce da una formulazione di copolimeri biodegradabile in 30 giorni, garantendo un’elevata integrità del rivestimento e un sottile spessore di rivestimento pari a 2 µm. Lo stent risultante offre un’endotelizzazione di quasi il 100% a 30 giorni in un modello preclinico e 0% MACE>18 mesi nello studio clinico su sicurezza ed efficacia primaria.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

kaul.upendra@gmail.com