Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1) > Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1):1-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

  CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA


Minerva Cardioangiologica 2012 February;60(1):1-9

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Stent medicati versus stent convenzionali nella valutazione dell’infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST: dall’evidenza alla pratica

Noureddine N. D., Applegate R. J.

Wake Forest School of Medicine, Section of Cardiology, Winston-Salem, NC, USA


PDF  


Nel 2001, gli stent medicati (DES) sono stati introdotti come strategia per ridurre la restenosi e la necessità di reintervento. Con l’aumento dell’uso dei DES nella pratica generale, vi è stato un notevole utilizzo dei DES in pazienti “off label” non valutato negli studi clinici randomizzati iniziali. Grandi studi clinici monocentrici e di registro sono stati in grado di dimostrare che l’efficacia clinica dei DES persisteva anche in sottogruppi di pazienti non inclusi negli studi clinici iniziali. Tali osservazioni hanno fornito supporto per valutare i DES in pazienti STEMI. Prenderemo in considerazione l’evidenza che valuta la sicurezza e l’efficacia relative dei DES rispetto agli stent non medicati (BMS) in pazienti STEMI e affronteremo i problemi pratici incontrati nell’assistenza clinica di routine di questi pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

bapplega@wfubmc.edu