Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2011 Agosto;59(4) > Minerva Cardioangiologica 2011 Agosto;59(4):349-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

  ECOCARDIOGRAFIA: SVILUPPI FUTURI


Minerva Cardioangiologica 2011 Agosto;59(4):349-73

lingua: Inglese

Imaging e moderne tecniche di valutazione del ventricolo destro

Le Tourneau T. 1,2, Piriou N. 2, Donal E 3., Deswarte G. 4, Topilsky Y. 2, Lamblin N. 4, Warin-Fresse K. 2, Crochet D. 2, Damy T. 5, Trochu J.-N. 2

1 Laboratoire d’Explorations Fonctionnelles, CHU, Nantes, France;
2 Inserm, UMR915, Université de Nantes, CHU Nantes, L’Institut du Thorax, Nantes, France;
3 CIC-IR 804, LTSI Inserm U642, Hôpital Pontchaillou-CHU, Rennes, France;
4 Inserm U744, Hôpital Cardiologique, CHRU de Lille, Lille, France ;
5 Inserm, U955, Université Paris 12, CHU Henri Mondor, Créteil, France


PDF  


La funzione del ventricolo destro è difficile da valutare a causa della complessità morfologica, strutturale e funzionale del ventricolo stesso. Il ventricolo destro (right ventricle, RV) comprende tre compartimenti : la camera di afflusso, l’apice e la camera di deflusso, che si contraggono con un movimento peristaltico dall’afflusso al deflusso. Inoltre, il ventricolo destro è strettamente collegato alla funzione del ventricolo sinistro (left ventricle, LV) attraverso il circolo polmonare, il setto interventricolare e il contenimento del miocardio all’interno del sacco pericardico. Il rapporto tra la funzione del RV e l’insorgenza di sintomi, la capacità di sforzo e la prognosi in un’ampia varietà di cardiopatie conferma l’utilità di una sua valutazione di routine. Nella pratica clinica quotidiana, la valutazione del RV viene eseguita per lo più mediante ecocardiografia, nonostante i limiti importanti legati all’imaging bidimensionale. Le scansioni su piani multipli e numerosi parametri permettono ai clinici di integrare la funzione del RV nel processo decisionale clinico. Recenti tecniche ecocardiografiche come lo studio della deformazione miocardica e l’imaging tridimensionale, o l’ecocardiografia sotto sforzo, sono metodiche di grande interesse per la valutazione del RV. La risonanza magnetica cardiaca offre l’esclusiva opportunità di visualizzare il RV in movimento e in tre dimensioni, senza il limite dell’ecogenicità. Pertanto, la risonanza magnetica cardiaca sta acquistando un ruolo sempre più importante nella valutazione del RV in una grande varietà di patologie cardiopolmonari, come l’ipertensione polmonare, l’ischemia, la cardiomiopatia ventricolare destra aritmogena, la cardiomiopatia ipertrofica, l’insufficienza cardiaca e le cardiopatie congenite. Integrando la complessa interazione tra i due ventricoli e il circolo polmonare, questa review illustrerà i più recenti risultati delle tecniche standard e innovative che permettono la valutazione della funzione del RV mediante ecocardiografia e risonanza magnetica cardiaca, offrendo una panoramica completa ai clinici impegnati ad affrontare le problematiche terapeutiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

thletourneau@yahoo.fr