Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2011 Giugno;59(3) > Minerva Cardioangiologica 2011 Giugno;59(3):271-84

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2011 Giugno;59(3):271-84

lingua: Inglese

Stent medicati e occlusione coronarica cronica totale

Niccoli G., Leo A., Giubilato S., Cosentino N., Minelli S., Galiffa V. A., Crea F.

Institute of Cardiology, Sacro Cuore Catholic University, Rome, Italy


PDF  


Le occlusioni coronariche croniche (CTO) sono di comune riscontro all’esame coronarografico e costituiscono una delle maggiori sfide della cardiologa interventista. L’introduzione di specifiche guide e lo sviluppo di nuove tecniche ha migliorato la percentuale di successo nell’attraversamento di queste lesioni, mentre l’uso di stent metallici prima e di stent medicati (DES) dopo, ha significativamente ridotto l’incidenza di restenosi e la necessità di rivascolarizzazione ad un follow-up di breve-medio termine. Ciononostante, stanno emergendo delle nuove problematiche ancora irrisolte inerenti all’uso dei DES nel trattamento delle CTO. L’obiettivo del nostro articolo è quello di riassumere sistematicamente le attuali conoscenze riguardanti l’utilizzo degli stent nel trattamento delle CTO con particolare attenzione all’uso dei DES e alle nuove problematiche associate al loro uso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

gniccoli73@hotmail.it