Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2011 April;59(2) > Minerva Cardioangiologica 2011 April;59(2):149-69

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

  ABLAZIONE TRANSCATETERE


Minerva Cardioangiologica 2011 April;59(2):149-69

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ablazione di tachicardia ventricolare: indicazioni e tecniche

Wijnmaalen A. P., Zeppenfeld K.

Leiden University Medical Center, Leiden, The Netherlands


PDF  


Negli ultimi decenni, l’ampliamento delle indicazioni e l’evoluzione delle tecniche hanno portato ad un sempre maggiore utilizzo dell’ablazione transcatetere per diversi tipi di tachicardia ventricolare (VT). Grazie al grande successo ottenuto con questa tecnica nelle aritmie ventricolari (VA) non legate ad aree cicatriziali, l’ablazione transcatetere si è affermata come trattamento di prima linea per le VA idiopatiche sintomatiche e per le VA ritenute responsabili di disfunzione ventricolare. Per l’ablazione di VT legate ad aree cicatriziali, le caratteristiche individuali del paziente e l’esperienza dell’operatore hanno un ruolo importante nella valutazione rischio-beneficio. Tuttavia, lo sviluppo di tecniche basate sul substrato, l’uso di cateteri a punta irrigata e l’adozione di un approccio epicardico percutaneo in pazienti selezionati ha migliorato molto il trattamento delle VT nei pazienti con cardiopatia strutturale. La conoscenza del substrato della VT nelle diverse patologie e nei singoli pazienti è importante ai fini della mappatura e dell’ablazione. L’evoluzione delle tecnologie di imaging del substrato e l’integrazione di tali tecnologie nelle procedure di ablazione possono fornire una conoscenza più approfondita dei substrati, e in futuro potrebbero guidare l’ablazione delle VT. La distinzione tra VT legate e non legate ad aree cicatriziali è importante perché può condizionare il trattamento e la prognosi. La distinzione tra questi due tipi di VT può essere facilitata dall’identificazione del substrato della VT durante la mappatura mediante catetere. Il fallimento dell’ablazione transcatetere è spesso dovuto alla localizzazione anatomica del focolaio aritmogeno o del circuito di rientro. Tuttavia, l’evoluzione delle tecniche di ablazione transcatetere e delle fonti di energia può consentire di superare questi limiti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

k.zeppenfeld@lumc.nl