Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2010 December;58(6) > Minerva Cardioangiologica 2010 December;58(6):691-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  ARITMIA 2010


Minerva Cardioangiologica 2010 December;58(6):691-9

lingua: Inglese

Valore della navigazione robotica per l’ablazione

Malcolme-Lawes L, Kanagaratnam P.

Imperial College Healthcare London, London, UK


PDF  


Le tecnologie robotiche sono state sviluppate per consentire una stabilità ottimale del catetere e la riproducibilità dei suoi movimenti, con l’obiettivo di ottenere lesioni contigue e transmurali. Sono stati sviluppati due sistemi per la navigazione remota di cateteri all’interno del cuore; il primo si basa su una navigazione di tipo magnetico (magnetic navigation system, MNS - Niobe, Stereotaxis, Saint-Louis, Missouri, USA), il secondo su un catetere a guida robotica con guaina (Sensei, Hansen Medical, Mountain View, CA, USA). Entrambi i sistemi di navigazione, robotica e magnetica, si sono dimostrati utilizzabili per l’ablazione delle aritmie sia semplici che complesse, e in particolare della fibrillazione atriale. Gli studi condotti fino ad oggi hanno riportato, per quanto riguarda l’ablazione della fibrillazione atriale, percentuali di successo simili alla tecnica convenzionale manuale, e molti gruppi hanno riscontrato una riduzione nei tempi di fluoroscopia. Tuttavia, la curva di apprendimento iniziale dei casi ha dimostrato tempi di procedura più lunghi, dovuti soprattutto al tempo aggiuntivo richiesto dalla preparazione. Grazie a centri che eseguono un numero sempre crescente di ablazioni robotiche, all’introduzione di un sistema di monitoraggio della pressione, all’utilizzo di livelli più bassi di energia e all’adozione di un software di guida istintiva del catetere, le percentuali di complicanze si stanno riducendo, e in molti studi i tempi di fluoroscopia sono risultati più bassi rispetto all’ablazione manuale. Poiché la richiesta di procedure di ablazione mediante catetere per il trattamento di aritmie come la fibrillazione atriale è in aumento, ed è in aumento anche il numero di centri che effettuano queste procedure, aumenterà di conseguenza la richiesta di sistemi che riducano il livello di abilità manuale richiesto e migliorino il comfort dell’operatore.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

p.kanagaratnam@imperial.ac.uk