Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2010 Dicembre;58(6) > Minerva Cardioangiologica 2010 Dicembre;58(6):657-76

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2010 Dicembre;58(6):657-76

ARITMIA 2010 

 REVIEW

La gestione dell’aritmia ventricolare

Aronow W. S.

Cardiology Division, Department of Medicine, New York Medical College, Valhalla, New York, NY, USA

Le cause fondamentali della tachicardia ventricolare (ventricular tachicardia, VT) o dell’aritmia ventricolare (ventricular arrhythmias, VA) complessa dovrebbero essere, se possibile, trattate. I farmaci antiaritmici non dovrebbero essere usati per trattare i pazienti asintomatici affetti da VA complessa e non da patologie cardiache. I beta bloccanti sono i soli farmaci antiaritmici che hanno dimostrato di ridurre la mortalità nei pazienti con VT o VA complessa. L’ablazione della VT tramite l’uso di cateteri a radiofrequenza ha portato beneficio nel trattamento dei pazienti selezionati affetti da VT monomorfica con foci aritmogenici multipli. Il cardioverter-defibrillator automatizzato ed impiantabile (automatic implantable cardioverter-defibrillator, AICD) rappresenta il trattamento più efficace per la fibrillazione ventricolare o per i pazienti sottoposti per tutta la vita a trattamento per la VT. Verranno discusse le indicazioni di classe I della American College of Cardiology/Ameri-can Heart Association. Verranno discusse anche altre indicazioni per l’AICD. I pazienti con AICD non dovrebbero essere trattati con un pacing rate responsive a doppia camera (che determina una frequenza cardiaca media di 70 battiti per minuto), ma dovrebbero essere trattati con un pacing bi-ventricolare. Gli stessi pazienti inoltre dovrebbero essere trattati con beta-bloccanti, statine e inibitori dell’enzima ACE (angiotensin-converting enzyme) o bloccanti dell’angiotensina.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina