Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2010 April;58(2) > Minerva Cardioangiologica 2010 April;58(2):277-80

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 2010 April;58(2):277-80

lingua: Inglese

Trattamento con clopidogrel dopo impianto percutaneo di uno stent coronarico in un paziente con epatite indotta da ticlopidina

Anselmino M., Moretti C., Ravera L., Sheiban I.

Cardiology Division, Department of Medicine, University of Turin, San Giovanni Battista Hospital, Turin, Italy


PDF  


Le tienopiridine sono prescritte comunemente come farmaci antiaggreganti estremamente utili per la gestione cronica e in acuto dei pazienti affetti da patologie cerebrovascolari e cardiovascolari. La ricorrenza dei loro effetti collaterali è fortunatamente poco comune, sebbene siano eventi imprevedibili. Pertanto descriveremo un caso di prescrizione di clopidogrel in un paziente con epatite indotta da ticlopidina confermata da biopsia epatica, sottoposto a molteplici interventi di stent coronarico percutaneo, procedure che hanno avuto necessità di trattamenti antiaggreganti obbligatori e susseguenti. La descrizione di questo eccezionale caso clinico risulta rilevante per orientare un trattamento medico in un paziente con assoluta necessità di farmaci antiaggreganti e con una storia precedente di reazioni indotte da farmaci.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

matt.ans@alice.it