Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2009 December;57(6) > Minerva Cardioangiologica 2009 December;57(6):761-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

  IPERTENSIONE: LE NOVITA’


Minerva Cardioangiologica 2009 December;57(6):761-72

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Razionale dell’utilizzo dell’aliskirene nell’ipertensione

Westermann D., Savvatis K., Schultheiss H. P., Tschöpe C.

Department of Cardiology and Pneumology,Charité School of Medicine, Campus Benjamin Franklin, Berlin, Germany


PDF  


L’ipertensione arteriosa rappresenta un fattore di rischio indipendente per le patologie cardiovascolari e una delle principali cause di mortalità nel mondo. Risultano pertanto necessari dei farmaci che controllino effettivamente l’ipertensione, per ridurre la morbilità e la mortalità indotte da ipertensione. L’inibizione del sistema renina-angiotensina-aldosterone (Renin-Angiotensin-Aldosterone System, RAAS) rappresenta uno dei metodi per controllare la pressione sanguigna in questi pazienti. Il nuovo inibitore diretto della renina, l’aliskirene, è una nuova sostanza sul mercato in grado di inibire efficacemente il sistema RAAS bloccando l’attività della renina plasmatica, che inibisce il sistema RAAS al suo livello “rate-limiting”. Pertanto, l’aliskirene in monoterapia e in combinazione potrebbe avere effetti benefici per i pazienti. Inoltre, l’abbassamento della pressione sanguigna deve essere combinato con una riduzione del danno degli organi bersaglio per tutte le classi di farmaci prescritti ai pazienti con ipertensione. Verranno dunque revisionati i principali effetti di questo nuovo farmaco, non solo in relazione all’ipertensione, ma anche in relazione alla riduzione del danno degli organi bersaglio e ai possibili cambiamenti nella morbilità e nella mortalità, che verranno studiati nei futuri trial clinici.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

dirk.westermann@web.de