Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2009 August;57(4) > Minerva Cardioangiologica 2009 August;57(4):483-93

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

REVIEW  IMAGING CARDIOVASCOLARE


Minerva Cardioangiologica 2009 August;57(4):483-93

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Un aggiornamento sull’ecocardiografia di contrasto

Chelliah R., Senior R.

Department of Cardiology, Middlesex University London, Northwick Park Hospital, Harrow, UK


PDF  


Gli agenti di contrasto ad ultrasuoni, usati in tecniche di imaging contrasto-specifico, hanno acquisito un ruolo riconosciuto nell’imaging diagnostica in campo cardiovascolare nei laboratori di ecocardiografia. Nonostante la promozione della tecnologia ad ultrasuoni, la tissue harmonic imaging non è ancora in grado di produrre immagini diagnostiche utili in una significativa proporzione di pazienti. Ciò porta spesso ad una valutazione inaccurata della funzione ventricolare sinistra, con la necessità di usare altre e più laboriose e costose tecniche di imaging per scopi puramente diagnostici. Storicamente, gli agenti di contrasto non sono diventati un componente integrale del laboratorio di imaging in ecocardiografia. In ogni caso, la necessità di un metodo più robusto per la valutazione della funzione ventricolare sinistra ha facilitato lo sviluppo di un’unica classe di agenti di contrasto costituiti da microbolle, che insieme agli ultrasuoni, provocano l’opacizzazione della cavità ventricolare sinistra, così da permettere una accurata quantificazione della sua funzione. L’uso di questi agenti di contrasto è andato oltre la valutazione del movimento delle pareti e della funzionalità fino a permettere l’analisi della perfusione miocardica. L’ecocardiografia di contrasto a livello miocardico ha permesso la valutazione dell’anatomia cardiaca, della funzionalità e della perfusione, con un unico esame attuato su paziente in sede di visita. L’imaging di contrasto ad ultrasuoni viene ora applicata regolarmente nelle più recenti tecniche, così come l’ecografia tridimensionale in tempo reale; l’uso degli ultrasuoni risulta inoltre promettente nell’esaminare la carotide per la determinazione dello spessore della media-intima. Gli agenti di contrasto perciò hanno assunto un ruolo significativo nella diagnosi cardiovascolare e il loro utilizzo può solamente migliorare la cura del paziente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail