Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2009 Febbraio;57(1) > Minerva Cardioangiologica 2009 Febbraio;57(1):131-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 2009 Febbraio;57(1):131-6

lingua: Inglese

Sostituzione valvolare aortica percutanea in due pazienti ad alto rischio chirurgico: dettagli procedurali ed implicazioni per la selezione dei candidati

Bollati M., Moretti C., Omedè P., Sciuto F., Grosso Marra W., Palumbo L., Biondi-Zoccai G., Sheiban I.

Interventional Cardiology Division of Cardiology University of Turin, San Giovanni Battista “Molinette” Hospital, Turin, Italy


PDF  


La valvulopatia ha un impatto clinico crescente nei paesi industrializzati, specie tra gli anziani. Mentre la sostituzione valvolare chirurgica rimane il trattamento di prima scelta nei pazienti con stenosi aortica degenerativa candidabili alla chirurgia, la sostituzione valvolare aortica percutanea potrebbe diventare un’alternativa efficace in pazienti selezionati ad alto rischio chirurgico. Gli autori in questo articolo descrivono due casi di donne con stenosi aortica, entrambe ad alto rischio chirurgico (una donna di 81 anni con coronaropatia e malattia cerebrovascolare, e una donna di 70 anni con cirrosi avanzati), che sono state sottoposte con successo a sostituzione valvolare aortica percutanea mediante accesso trans femorale ed impianto retrogrado del sistema CoreValve Revalving System. Si sono verificate due complicanze maggiori, entrambe trattate efficacemente, nella seconda paziente: un blocco atrioventricolare di III grado (che ha richiesto impianto di pace-maker definitivo) e un sanguinamento dall’accesso arterioso femorale (trattato con l’impianto di due stent ricoperti e con emotrasfusione). Nonostante l’elevato rischio chirurgico preprocedurale, entrambe le pazienti sono state dimesse in sintomaticità, la prima 12 giorni e la seconda 3 settimane dopo il ricovero. Pertanto, nell’esperienza degli autori, la procedura di sostituzione valvolare aortica percutanea appare fattibile e ragionevolmente sicura nei pazienti con stenosi aortica grave ad alto rischio chirurgico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail