Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2009 Febbraio;57(1) > Minerva Cardioangiologica 2009 Febbraio;57(1):77-94

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2009 Febbraio;57(1):77-94

PROCEDURE INTERVENTISTICHE NEL 2009 

 REVIEW

Restenosi arteriosa coronarica: un paradigma degli attuali approcci terapeutici

Kiernan T. J., Kiernan G. D., Yan B. P.

1 Section of Vascular Medicine and Cardiology Intervention Division of Cardiology Massachusetts General Hospital and Harvard Medical School, Boston, MA, USA
2 University College Dublin Medical School Dublin, Ireland
3 Division of Cardiology Department of Medicine and Therapeutics Prince of Wales Hospital, Chinese University of Hong Kong, Hong Hong, China
4 Department of Epidemiology and Preventive Medicine Centre of Cardiovascular Research, Education and Therapeutics Monash University, Melbourne, Australia

La rivascolarizzazione coronarica si è sviluppata a tal punto, che l’angioplastica e lo stenting sono divenute una pratica routinaria per il trattamento della vasculopatia aterosclerotica con significativa ostruzione. L’angioplastica e lo stenting sono inoltre divenute una pratica di routine per il trattamento della vasculopatia obliterante. Lo sviluppo di una neointima costituisce la base patologica per la restenosi dopo l’angioplastica e lo stenting coronarici. Gli autori discutono gli attuali metodi per il trattamento e la prevenzione della restenosi arteriosa coronarica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina