Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2008 December;56(6) > Minerva Cardioangiologica 2008 December;56(6):635-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2008 December;56(6):635-41

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Outcome dell’ablazione della fibrillazione atriale: valutazione del successo

Lickfett L., Remerie S., Mittmann-Braun E., Nickenig G.

Department of Medicine-Cardiology University of Bonn, Bonn, Germany


PDF  


La fibrillazione atriale (FA) è l’aritmia cardiaca sostenuta più comune, con una prevalenza nella popolazione generale di circa l’1%. L’ablazione con catetere è passata ad essere da una procedura altamente sperimentale ad una delle più comuni procedure di ablazione eseguite in molti laboratori di elettrofisiologia in tutto il mondo. La stabilità del ritmo sinusale ristabilito in seguito ad ablazione con catetere è importante non solo per il confronto fra diverse tecniche di ablazione, ma anche per guidare la terapia anticoagulante e la terapia farmacologia antiaritmica. È stato dimostrato che lo sviluppo di FA post-ablazione è frequente almeno quanto prima dell’ablazione. La valutazione del ritmo è pertanto una componente fondamentale nel follow-up post-ablazione. È disponibile una varietà di tecniche di monitoraggio elettrocardiografico (ECG). Oltre alle caratteristiche tecniche quali il numero di elettrodi registranti ed il successivo processamento del segnale, queste modalità differiscono principalmente nella durata della registrazione ECG ed il coinvolgimento del paziente. Le tecniche di monitoraggio del ritmo intermittenti includono ECG standard a 12 derivazioni, Holter-ECG di varia durata, registratore ECG con loop esterno attivato dal paziente e monitor ECG transtelefonico attivato dal paziente. Il monitoraggio ECG continuo rappresenta il gold standard per la registrazione del ritmo e può essere ottenuto con l’utilizzo di pacemaker, defibrillatori impiantabili o monitor ECG impiantabili.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail