Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2008 December;56(6) > Minerva Cardioangiologica 2008 December;56(6):623-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2008 December;56(6):623-33

lingua: Inglese

Crioablazione con catetere della fibrillazione atriale: stato dell’arte

Klein G., Gardiwal A., Oswald H.

Department of Cardiovascular Medicine Hannover Medical School, Hannover, Germany


PDF  


L’ablazione con catetere è stata adottata come terapia di seconda linea per la fibrillazione atriale (FA) parossistica e persistente ed è attualmente studiata come un approccio primario. I tassi di successo riportati per l’ablazione con catetere mediante radiofrequenza (RF) variano fra 65% e 85% a seconda della tecnica utilizzata, la selezione dei pazienti e l’esperienza del centro. Tuttavia, l’ablazione con catetere della FA non è priva di rischio. A livello mondiale, il tasso di complicanze maggiori associate a queste procedure raggiunge il 6%. Inoltre, nei centri con elevate casistiche, il tasso di complicanze è pari al 5%, che dopo l’esclusione della fase di apprendimento relativa alle prime 100 procedure scende al 4,3%. Queste complicanze e il fatto che l’ablazione della FA utilizzando le RF risulti essere una procedura impegnativa in termini di competenza e abilità dell’operatore, hanno limitato la diffusione a livello mondiale di questa terapia, una ricerca estesa di alternative energetiche e di fonti di applicazione. In 4 studi europei, un nuovo approccio con criopallone è risultato efficace e sicuro, oltre che dotato di un simile tasso di successo rispetto all’ablazione con RF, almeno nella FA parossistica e in presenza di atrio sinistro normale. Ulteriori modifiche nel design dei cateteri e ulteriori dispositivi potranno probabilmente migliorare questa tecnica. Nuovi studi clinici dovrebbero eseguire un confronto testa a testa fra crioablazione e ablazione con RF nella FA. Il favorevole profilo di rischio della crioenergia può aprire la strada all’uso dell’ablazione con criopallone quale opzione terapeutica di prima linea nei pazienti con FA parossistica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail