Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2008 Ottobre;56(5) > Minerva Cardioangiologica 2008 Ottobre;56(5):527-41

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2008 Ottobre;56(5):527-41

lingua: Inglese

Approccio alle occlusioni coronariche totali croniche

Cuneo A., Tebbe U.

Lippe-Detmold Clinic Department I Cardiology Angiology and Intensive Care Detmold, Germany


PDF  


Sebbene le occlusioni coronariche totali croniche (CTO) siano ben definite nosologicamente, il tasso di tentate rivascolarizzazioni percutanee (PCI) di queste lesioni resta basso. Dal punto di vista istopatologico, le CTO sono caratterizzate da una capsula fibrosa, placche di vario grado e neovascolarizzazione, le quali aumentano con l’età della CTO. Numerose casistiche e studi indicano che un’efficace rivascolarizzazione di CTO può migliorare sintomi, funzione ventricolare sinistra e mortalità. Vi sono chiare evidenze indicanti che gli stent medicati possono consentire tassi minimi di restenosi e reocclusione dopo ricanalizzazione delle CTO. La PCI dovrebbe essere considerata come l’iniziale e preferibile modalità di rivascolarizzazione nei pazienti in cui si può prevedere un elevato tasso di successo della procedura. Nuove tecniche hanno notevolmente migliorato il successo di questa procedura, incluse le tecniche “parallel” e “seesoo”, ancoraggio del pallone, tracking subintimale e rientro (STAR), approccio retrogrado, iniezione controlaterale e guida ecografica intravascolare. I progressi tecnici sono in larga misura responsabili dei migliori risultati nella PCI delle CTO, ed altri miglioramenti potrebbero essere ottenuti con l’applicazione di ulteriori novità tecniche. La risonanza magnetica e la tomografia computerizzata multistrato possono essere già utilizzate per definire le strategie terapeutiche ed il loro ruolo nel trattamento delle CTO è destinato ad aumentare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail