Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2008 Agosto;56(4) > Minerva Cardioangiologica 2008 Agosto;56(4):429-34

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2008 Agosto;56(4):429-34

 REVIEW

Anestetici volatili per la protezione cardiaca peri-procedurale: una revisione

Landoni G., Fochi O., Bignami E., De Simone F., Zangrillo A.

Department of Cardiothoracic Anesthesia and Intensive Care Vita-Salute San Raffaele University, Milan, Italy San Raffaele Scientific Institute, Milan, Italy

Tutti gli anestetici volatili presentano un effetto cardio-deprimente e riducono il fabbisogno di ossigeno del miocardio. Pertanto, essi possono presentare un ruolo protettivo sul miocardio in corso di insulto ischemico. Recentemente, studi sperimentali hanno chiaramente dimostrato che, in aggiunta a questi effetti protettivi indiretti, gli anestetici volatili presentano inoltre una capacità di protezione miocardica diretta nei confronti del danno ischemico. Lo sfruttamento di queste proprietà durante l’anestesia clinica può costituire un ulteriore strumento preventivo e/o terapeutico della disfunzione cardiaca ischemica nel periodo perioperatorio. Una recente metanalisi ha indicato che il desflurano e il sevoflurano riducono la mortalità postoperatoria e l’incidenza di infarto miocardico in seguito a intervento cardiochirurgico, con un significativo miglioramento in termini di rilascio miocardio di troponina postintervento, necessità di supporto inotropo, tempo di ventilazione meccanica e durata complessiva di permanenza in terapia intensiva e della degenza. Studi clinici randomizzati multicentrici hanno precedentemente dimostrato che l’uso di desflurano ha ridotto il rilascio postoperatorio di troponina I cardiaca, la necessità di supporto isotropo e il numero di pazienti richiedenti prolungate ospedalizzazioni in seguito a intervento per bypass coronarico, con e senza bypass cardiopolmonare. L’evidenza di protezione nella chirurgia non cardiaca è contraddittoria e sarà discussa in quest’articolo, insieme ai meccanismi di protezione miocardica da parte degli anestetici volatili.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina