Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2008 February;56(1) > Minerva Cardioangiologica 2008 February;56(1):79-87

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

REVIEW  DES UPDATE


Minerva Cardioangiologica 2008 February;56(1):79-87

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Impianto di DES su graft venosi e arteriosi tramite mammaria interna

Presbitero P., Zavalloni D., Pagnotta P., Belli G., Rossi M. L., Gasparini G. L., Lisignoli V.

Operative Unit of Invasive Cardiology Humanitas Clinical Institute IRCCS, Rozzano, Milan, Italy


PDF  


I pazienti sottoposti a intervento di bypass aortocoronarico richiedono ulteriori interventi di rivascolarizzazione nel 40% a 10 anni. In questi casi, il trattamento attualmente considerato di scelta è quello per via percutanea. Il ruolo dei drug-eluting stents (DES) in questo contesto non è stato ancora del tutto chiarito. In questa review vengono analizzati i principali studi sull’argomento cercando di proporre una visione critica dei dati attualmente disponibili. Per quanto riguarda i bypass venosi, gli studi sono concordi nel documentare una maggior efficacia dei DES rispetto agli stent non medicati nella prevenzione della ristenosi. Tuttavia, tale beneficio risulta in parte essere limitato nel tempo a causa della frequente degenerazione dei graft in sedi precedentemente non trattate, richiedendo ulteriori interventi di rivascolarizzazione. Per quanto riguarda i bypass arteriosi, i dati disponibili sono molto limitati. L’efficacia dei DES in questo contesto sembra non superare quella degli stent non medicati. La probabile spiegazione è data dalla diversa patogenesi delle lesioni nei graft arteriosi, che sembra essere prevalentemente legata ai fenomeni di cicatrizzazione delle anastomosi più che alla presenza di aterosclerosi. In questo scenario le proprietà antiproliferative dei DES potrebbero non essere utili. L’utilizzo dei DES in questo particolare tipo di lesioni lascia irrisolte numerose domande, per le cui risposte nasce la necessità di studi randomizzati, attualmente ancora mancanti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail