Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 December;55(6) > Minerva Cardioangiologica 2007 December;55(6):755-70

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2007 December;55(6):755-70

lingua: Inglese

Ruolo dell’ecocardiografia intracardiaca nell’elettrofisiologia interventistica

Knackstedt C., Mischke K., Frechen D., Gramley F., Schimpf T., Becker M., Franke A., Kelm M., Schauerte P.

Department of Cardiology RWTH University Aachen Aachen, Germany


PDF  


La visualizzazione dell’anatomia cardiaca è divenuta via via più importante con l’aumento della complessità degli interventi eseguiti. L’ecocardiografia intracardiaca (intracardiac echocardiography, EI) fornisce, infatti, una buona visualizzazione dei tessuti molli cardiaci ed è divenuta un importante strumento oggigiorno per la cardiologia. Essa si è dimostrata molto utile durante numerose procedure di ablazione eseguite per aritmie sopraventricolari e ventricolari. L’EI è stata utilizzata per il posizionamento di cateteri di monitoraggio, per verificare il contatto tissutale di cateteri e la formazione di lesioni, così come per determinare il dosaggio dell’energia utilizzata per l’ablazione. Il tasso di complicanze ne è risultato ridotto, di pari passo con un miglioramento degli outcome delle procedure e dell’esposizione alle radiazioni. Inoltre, nuove strategie terapeutiche sono state valutate sulla base dell’EI. Essa è stata utilizzata infine nel contesto dell’imaging tridimensionale e dell’integrazione delle immagini.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail