Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 October;55(5) > Minerva Cardioangiologica 2007 October;55(5):681-91

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2007 October;55(5):681-91

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Chiusura percutanea del forame ovale pervio

Surmely J. F., Meier B.

Swiss Cardiovascular Center Bern University Hospital, Bern, Switzerland


PDF  


La presenza di un forame ovale pervio (patent foramen ovale, PFO) è un reperto frequente, riscontrabile nel 25% della popolazione. È stata documentata una correlazione tra il PFO e numerose condizioni cliniche quali ictus, emicrania, sindrome platipnea-ortodesossia, disturbo neurologico da decompressione nei subacquei, edema polmonare da altitudine, sleep apnea e sindrome da classe economica. Studi osservazionali e non randomizzati hanno dimostrato che la chiusura percutanea del PFO è più efficace della terapia medica nella prevenzione dell’ictus, in particolare nei pazienti in cui si ottiene una chiusura completa e nei pazienti con più di un evento cerebrovascolare in anamnesi. Nel caso dell’emicrania la chiusura del PFO è risultata in una marcata riduzione del carico di emicrania o dei giorni di emicrania. In questa review, gli autori descrivono l’anatomia del PFO, i dati epidemiologici sulle condizioni cliniche associate, il confronto fra chiusura percutanea e terapia medica e gli aspetti tecnici della procedura.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail