Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 Ottobre;55(5) > Minerva Cardioangiologica 2007 Ottobre;55(5):659-67

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2007 Ottobre;55(5):659-67

lingua: Inglese

Terapia con cellule staminali midollari per la riparazione miocardica: sfide e prospettive

Vassalli G. 1, Vanderheyden M. 2, Renders F. 1,2, Eeckhout E. 1, Bartunek J.2

1 Department of Cardiology CHUV University Hospital, Lausanne, Switzerland
2 Cardiovascular Center OLV Ziekenhuis Aalst, Belgium


PDF  


Le cellule staminali midollari si possono differenziare in numerosi tipi cellulari, incluse le cellule vascolari e, possibilmente (questione ancora controversa), cardiomiociti. Precocemente dopo un infarto miocardico, le cellule staminali e progenitrici sono mobilizzate nel circolo periferico. Evidenze sperimentali suggeriscono che cellule di derivazione midollare iniettate in cuori infartuati possono migliorare la funzione cardiaca. Tuttavia, i meccanismi che sottendono a questi miglioramenti funzionali restano dibattuti. I primi studi randomizzati e controllati con placebo condotti su pazienti con infarto miocardico acuto hanno ottenuto risultati controversi. Da un lato, nello studio REPAIR-AMI è stato osservato un miglioramento modesto ma significativo e persistente della funzione ventricolare sinistra associato a un miglioramento clinico. Dall’altro, altri studi hanno invece avuto risultati neutrali. I diversi risultati degli studi possono essere spiegati in parte dalle differenze nel disegno sperimentale, dalla preparazione delle cellule e dalla finestra temporale del trattamento. Inoltre, gli studi condotti in pazienti con cardiopatia ischemica cronica sono di tipo osservazionale e il significato terapeutico degli end-point surrogati deve essere dimostrato. Pertanto, è necessaria un’adeguata coordinazione fra la ricerca di base e gli studi clinici ben disegnati e mirati a precise ipotesi. In parallelo, la ricerca scientifica deve essere diretta alla comprensione dei meccanismi responsabili degli effetti biologici e funzionali della terapia con cellule midollari per la riparazione miocardica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail