Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 Ottobre;55(5) > Minerva Cardioangiologica 2007 Ottobre;55(5):557-77

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2007 Ottobre;55(5):557-77

 REVIEW

Rivascolarizzazione nei pazienti ad alto rischio: diabete mellito

Cola C., Sabaté M.

Interventional Cardiology Unit Department of Cardiology Sant Pau University Hospital Barcelona, Spain

La cardiopatia ischemica è la principale causa di morbilità e mortalità nei pazienti con diabete mellito. La fisiopatologia dell’aterosclerosi presenta nei soggetti diabetici specifiche caratteristiche che conferiscono loro un rischio cardiovascolare elevato. La rivascolarizzazione nei pazienti diabetici resta pertanto un’importante sfida terapeutica. Entrambe le tecniche (angioplastica coronarica percutanea, PCI, e bypass arterioso coronarico, CABG) presentano outcome meno favorevoli nella popolazione diabetica rispetto ai controlli non diabetici. Nel confronto tra diverse modalità di rivascolarizzazione, il CABG ha consistentemente dimostrato la propria superiorità rispetto alla PCI. Pertanto, le attuali linee guida raccomandano il CABG per il trattamento della malattia multivasale nei diabetici. Tuttavia, l’efficacia delle recenti evoluzioni nel campo della PCI (stent a rilascio di farmaci) è in fase di valutazione. L’obiettivo di questa revisione è quello di discutere le più recenti evidenze nel campo della rivascolarizzazione coronarica nei diabetici. L’evoluzione della PCI nel tempo sarà in particolare esaminata, così come le attuali evidenze sugli stent medicati in termini di efficacia e sicurezza nei diabetici. Inoltre, vengono esaminati i principali studi di confronto fra CABG e PCI. Vengono considerate dettagliatamente le potenziali complicanze riscontrabili con ciascuna modalità di rivascolarizzazione. Infine, verrano esaminate la rivascolarizzazione di specifici sottogruppi di pazienti diabetici come i soggetti affetti da sindrome coronarica acuta e quelli con complicanze sistemiche di malattia.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina