Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 Agosto;55(4) > Minerva Cardioangiologica 2007 Agosto;55(4):477-85

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2007 Agosto;55(4):477-85

 REVIEW

Effetti della terapia ormonale sulla pressione arteriosa e sul sistema renina-angiotensina nelle donne in post menopausa

Prime D. D. 1, Brosnihan K. B. 2, Herrington D. M. 1

1 Cardiology Section Department of Internal Medicine Wake Forest University School of Medicine Winston-Salem, NC, USA
2 Hypertension and Vascular Research Center Wake Forest University School of Medicine Winston-Salem, NC, USA

Studi osservazionali hanno documentato l’associazione fra la terapia ormonale sostitutiva (TOS) e minori tassi di patologie cardiovascolari. Contempo-raneamente, trial clinici randomizzati hanno documentato maggiori tassi di infarto miocardico e ictus nelle donne in terapia ormonale. Questi risultati apparentemente discordanti hanno stimolato nuove ricerche sugli effetti degli estrogeni sul sistema cardiovascolare ed in particolare sui valori pressori, la regolazione del sistema renina-angiotensina (RAS) e le conseguenze cliniche dell’ipertensione. Negli ultimi sei anni, numerosi studi hanno meglio definito i meccanismi con cui la TOS influenza il RAS, la pressione arteriosa e gli effetti clinici dell’ipertensione. Studi recenti hanno documentato un aumento della sintesi di angiotensinogeno ed una soppressione della renina attiva con la terapia estrogenica. Il grado di soppressione dei livelli di enzima di conversione dell’angiotensina in corso di TOS potrebbe essere controllato da fattori genetici. La somministrazione di estrogeni nelle donne post-menopausali aumenta i livelli di angiotensina II, un potente vasocostrittore. Questo effetto vasopressore è attenuato da una riduzione estrogeno-indotta dell’espressione del recettore di tipo 1 dell’angiotensina II. È stata inoltre osservata, dopo TOS una riduzione del flusso ematico renale in assenza di modificazioni pressorie ed un incremento del rischio globale di ictus nelle donne ipertese in TOS rispetto alle donne normotese in TOS. La terapia estrogenica influenza molte componenti del RAS, ma con un minimo effetto sulla pressione arteriosa. Sono necessari ulteriori studi che descrivano gli effetti della TOS su un sistema vascolare alterato e la relazione tra questi effetti e lo sviluppo di infarto miocardico e ictus.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina