Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 Giugno;55(3) > Minerva Cardioangiologica 2007 Giugno;55(3):291-301

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2007 Giugno;55(3):291-301

 ARTICOLI ORIGINALI

Whole body imaging nell’aterosclerosi: angiografia con risonanza magnetica ad alta risoluzione e mezzo di contrasto intravascolare. Esperienza clinica preliminare

Napoli A. 1, Catalano C. 1, Anzidei M. 1, Lanciotti K. 1, Calabrese F. A. 1, Cavallo Marincola B. 1, Zini C. 1, Di Paolo P. L. 1, Kyventidis T. 2, Passariello R. 1

1 Department of Radiological Sciences University of Rome La Sapienza, Rome, Italy
2 Department of Surgical Sciences (P. Valdoni) University of Rome La Sapienza, Rome, Italy

Obiettivo. Recentemente l’angiografia 3D con risonanza magnetica (magnetic resonance angiography, MRA) e mezzo di contrasto intravascolare (blood-pool) è divenuta disponibile come metodica diagnostica. Lo scopo di questo studio è presentare e valutare l’efficacia di questa metodica nella dimostrazione delle alterazioni steno-occlusive dei vasi arteriosi nella patologia aterosclerotica in confronto con l’angiografia TC (computer tomography angiography, CTA) come metodica di riferimento.
Metodi. Venti pazienti con patologia steno-occlusiva carotidea documentata clinicamente ed ecograficamente sono stati sottoposti a indagine MRA whole body con magnete a 1,5 T e CTA whole body utilizzando un apparecchio a 64 detettori. Dieci millilitri di mezzo di contrasto con caratteristiche blood-pool (MS-235 – Gadofosveset Trisodium, VASOVIST, Schering, Berlin, Germany) sono stati somministrati per via endovenosa e successivamente sono state acquiste immagini MRA con tecnica a spostamento automatico del tavolo (4 stazioni). Le immagini sono state valutate da due osservatori indipendenti in cieco. La qualità generale degli esami è stata valutata e classificata qualitativamente sia per la MRA che per la CTA. Sono state inoltre calcolate sensibilità e specificità della MRA e concordanza intermetodica (MRA/CTA) e interosservatore.
Risultati. La MRA whole body con mezzo di contrasto blood-pool è stata ben tollerata in tutti i pazienti, consentendo una dettagliata valutazione dell’intero sistema circolatorio arterioso in breve tempo. In 14 pazienti su 20 pazienti è stato dimostrato un interessamento esteso dei distretti arteriosi con alterazioni steno-occlusive su base aterosclerotica; la sensibilità e la specificità della MRA nell’identificazione e nella caratterizzazione del danno vascolare sono state rispettivamente del 92-100% e 95-100%; in 2 casi la MRA ha sottostimato il grado di stenosi dimostrato correttamente alla CTA. La concordanza interosservatore è risultata elevata (K= 0,63), con concordanza intermetodica del 93% (P < 0,01).
Conclusioni. La MRA whole body con mezzo di contrasto blood-pool è una metodica valida per un’estesa valutazione del coinvolgimento dei vasi arteriosi da parte della patologia steno-occlusiva su base aterosclerotica sistemica; è stata dimostrata una significativa concordanza tra i risultati ottenuti con la MRA con mezzo di contrasto blood-pool e quelli ottenuti con CTA, utilizzata come metodica di riferimento.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina