Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2007 February;55(1) > Minerva Cardioangiologica 2007 February;55(1):83-94

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

EVIEW  INNOVAZIONI IN INTERVENTI ENDOVASCOLARI


Minerva Cardioangiologica 2007 February;55(1):83-94

lingua: Inglese

Progressi del trattamento percutaneo della patologia valvolare aortica e mitralica

Rajagopal V., Kapadia S. R., Tuzcu E. M.

Department of Cardiovascular Medicine Cleveland Clinic Foundation Cleveland, OH, USA


PDF  


Il carico sanitario della cardiopatia valvolare è in continuo aumento con l’invecchiamento della popolazione. In ragione dei progressi nelle tecniche operatorie e nell’anestesiologia cardiologica, l’approccio chirurgico presenta oggi un eccellente profilo di sicurezza e di durata per molti pazienti. La chirurgia rimane pertanto il gold standard per il trattamento della cardiopatia valvolare. Poiché molti pazienti presentano comorbilità che aumenta il rischio operatorio, è cresciuto l’interesse per la riparazione e per la sostituzione valvolare mediante via percutane. Le prime esperienze sull’uomo con protesi valvolari aortiche stented sono state piuttosto incoraggianti. Per l’insufficienza mitralica, l’annuloplastica e la riparazione percutanea dei lembi sono state sviluppate da numerose compagnie e primi studi sull’uomo hanno dimostrato la fattibilità della riparazione percutanea. I continui progressi nella tecnologia e nell’esperienza promettono di espandere il ruolo della riparazione e della sostituzione valvolare percutanea nel trattamento della cardiopatia valvolare. Studi clinici in corso aiuteranno a definire la durata e la sicurezza a lungo termine del trattamento percutaneo, così come l’appropriata selezione dei pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail