Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2006 August;54(4) > Minerva Cardioangiologica 2006 August;54(4):507-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 2006 August;54(4):507-20

lingua: Inglese

Aneurisma dell’aorta sottorenale associati a patologia viscerale addominale

Leone L., Germiglio C., Monteforte R., Trovato G.

1 Unit of Vascular Surgery Umberto I Hospital, Siracusa, Italy
2 Postgraduate School of Vascular Surgery Umberto I Hospital, Siracusa, Italy


PDF  


L’aneurima dell’aorta addominale (AAA) è una malattia dell’età avanzata. Come tale, la frequenza di questa patologia incrementa con l’invecchiamento generale della popolazione. Di pari passo aumenta anche la possibilità di trovare l’associazione di un AAA con una patologia viscerale addominale, soprattutto neoplastica. Una malattia tumorale maligna è stata evidenziata nel 4% dei pazienti sottoposti a ricostruzione aortica per AAA.
Il trattamento chirurgico delle due condizioni, potenzialmente spesso minacciose per la vita, pone il chirurgo di fronte ad una serie di problematiche sul loro trattamento, riguardanti soprattutto il timing dell’operazione.
La preoccupazione principale è quella che un trattamento simultaneo delle due patologie rappresenti un potenziale rischio di infezione dell’innesto protesico vascolare. D’altra parte una procedura in due tempi non è anch’essa scevra da rischi, legati ad una seconda anestesia, ad un secondo intervento chirurgico, eseguito su un tessuto cicatriziale o contaminato e, evenienza non trascurabile, al peggioramento di una delle due malattie potenzialmente minacciose per la vita.
Il trattamento endovascolare della patologia aneurismatica si pone come una strategia terapeutica alternativa in questo tipo di situazioni.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail