Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2006 Agosto;54(4) > Minerva Cardioangiologica 2006 Agosto;54(4):471-9

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2006 Agosto;54(4):471-9

 ARTICOLI ORIGINALI

Prognostic significance of atrial fibrillation in thrombolysed and non thrombolysed patients

Trappolini M., Scorza A., Chillotti F. M., Trappolini F., Danese A., De Vito F., Luberti E., Angrisani L., Braucci S.

Department of Clinical Sciences Umberto I Polyclinic La Sapienza University, Rome, Italy

Obiettivo. La fibrillazione atriale (FA) è una frequente complicanza dell’infarto miocardico acuto (IMA). Lo scopo del presente studio era quello di esaminare l’incidenza e il significato prognostico della FA come complicanza dell’IMA.
Metodi. In 848 pazienti con IMA, abbiamo esaminato i seguenti parametri: età, sesso, fattori di rischio coronarico, incidenza di FA, pregressi episodi ischemici, sede dell’infarto, elettrocardiogramma al momento del ricovero, terapia trombolitica, complicanze e mortalità ospedaliere.
Risultati. Una FA fu rilevata in 84 pazienti (9.9%). Questi soggetti erano mediamente più anziani (P<0,0001), più spesso fumatori (P<0,007), con un più elevato livello di creatina chinasi (P<0,005) e con uno scompenso cardiaco più grave (classe Killip ?2). Una FA fu documentata più comunemente nei pazienti non trombolisati che in quelli trombolisati (11.2% vs 7.5%). La mortalità generale è risultata significativamente più alta nei pazienti con FA (P=0,001). Tuttavia, essa non risultava essere un predittore indipendente di mortalità. Al contrario, sono risultati predittori indipendenti di mortalità una classe Killip ≥2 (P<0,0001), l’età (p<0,0001) ed un pregresso infarto miocardico (P<0,002).
Conclusioni. Nella nostra esperienza, la FA non può essere considerata come un predittore indipendente di mortalità. Al contrario, è un predittore indipendente di FA e di mortalità un grado avanzato di scompenso cardiaco, sia nei pazienti trombolisati che in quelli non trombolisati. La FA costituisce invece l’espressione di uno scompenso cardiaco avanzato, che è peggiorato dallo sviluppo di un evento aritmico con gravi conseguenze sulla prognosi.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina