Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2006 February;54(1) > Minerva Cardioangiologica 2006 February;54(1):169-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2006 February;54(1):169-72

lingua: Inglese

Giant coronary artery aneurysm in association with systemic arterial ectasia. A case report

Anania A., Trapani M., Striglia E., Sambuco A., Longato L., Tarocco R. P.

Department of Internal Medicine Molinette Hospital, University of Turin, Turin, Italy


PDF  


Con l’introduzione degli esami angiografici, è divenuto più frequente il riscontro di ectasie e aneurismi delle arterie coronarie. Il reperto può essere occasionale oppure essere associato a sintomatologia coronarica ischemica. L’eziologia è aterosclerotica nel 50% dei casi, mentre è attribuibile a meccanismi congeniti o infiammatori negli altri casi. Viene descritto il caso di un aneurisma gigante (diametro cm 7) della coronaria sinistra; nello stesso paziente erano state documentate altre localizzazioni aneurismatiche (arterie cerebrali, aorta addominale). L’anamnesi e gli esami bioumorali hanno escluso una condizione infiammatoria, a sostegno della verosimile eziologia aterosclerotica dell’aneurisma. In assenza di sintomatologia acuta correlabile alla presenza dell’aneurisma, il trattamento è stato di tipo conservativo, con esito favorevole dopo 2 anni di follow up.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail