Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2005 Agosto;53(4) > Minerva Cardioangiologica 2005 Agosto;53(4):321-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Cardioangiologica 2005 Agosto;53(4):321-8

lingua: Inglese

Effects of carvedilol on left ventricular diastolic function and chamber volumes in advanced heart failure

Palazzuoli A., Quatrini I., Vecchiato L., Scali C., De Paola V., Iovine F., Martini G., Nuti R.


PDF  


Obiettivo. Il trattamento con carvedilolo nello scompenso cardiaco cronico (CHF) ha dimostrato di ridurre la mortalità e la reospedalizzazione attraverso il miglioramento della funzione sistolica e la riduzione dei volumi e del rimodellamento ventricolare sinistro, ma gli effetti del farmaco sul riempimento del ventricolo sinistro sono ancora oggetto di studio. La disfunzione sistolica si accompagna spesso ad alterazioni diastoliche e, in particolare, il pattern di riempimento pseudonormale e quello di tipo restrittivo sono correlati a prognosi negativa. In questo studio abbiamo valutato le modificazioni a breve e a lungo termine della funzione diastolica durante la terapia con carvedilolo in pazienti con CHF avanzato e pattern di riempimento pseudonormale o di tipo restrittivo all'ecodoppler.
Metodi. Abbiamo studiato 59 pazienti con CHF severo, ma stabile (40 in classe NYHA III e 19 in classe NYHA IV) con disfunzione sia sistolica che diastolica dovute a cardiomiopatia ischemica o idiopatica. Trenta due pazienti sono stati randomizzati per ricevere il trattamento precedente più carvedilolo (gruppo I), 27 hanno continuato la terapia standard con ACE-inibitori, diuretici, digossina e vasodilatatori (gruppo II). In tutti i soggetti sono stati misurati volume, massa, frazione di eiezione (EF) del ventricolo sinistro e i parametri transmitralici di riempimento: onda di riempimento precoce (E), onda di riempimento atriale (A), rapporto E/A, tempo di decelerazione di E (DT) e il tempo di rilasciamento isovolumetrico (IVRT) tramite metodo eco-Doppler.
Risultati. Dopo 4 mesi di terapia il gruppo con carvedilolo mostrava un incremento significativo di onda A (p<0,001), DT (p<0,0001), IVRT (p<0,0001) e una riduzione significativa del rapporto E/A (p<0,0005) rispetto al gruppo II. Qualche cambiamento significativo è stato osservato per massa, volume e frazione di eiezione. I parametri transmitralici di riempimento sono rimasti inalterati o migliorati ulteriormente dopo 12 mesi (A p<0,0005; DT p<0,00002; IVRT p<0,000004; E/A p<0,0008), e poi abbiamo rilevato una riduzione dell'onda E (p<0,001) nel gruppo I rispetto ai controlli. Inoltre, dopo un anno di follow-up abbiamo osservato una riduzione di volume sistolico (p<0,001), pressione polmonare (p<0,0001) e conseguente aumento di EF (p<0,001) nel gruppo con trattato con beta-bloccanti. L'analisi multivariata ha dimostrato che le modificazioni al Doppler erano scarsamente correlate con la riduzione della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa.
Conclusioni. Il trattamento con carvedilolo migliora la funzione diastolica nel CHF con severa disfunzione diastolica in fase precoce responsabile della trasformazione del pattern di riempimento pseudonormale o di tipo restrittivo in pattern alterato. Questi cambiamenti si osservano anche dopo 1 anno di terapia e si accompagnano ad un incremento della funzione sistolica e ad un miglioramento dello stato emodinamico

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail