Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2005 Febbraio;53(1) > Minerva Cardioangiologica 2005 Febbraio;53(1):69-78

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2005 Febbraio;53(1):69-78

 REVIEW

Endovascular treatment of extra-cranial carotid artery bifurcation disease

Gray W. A.

Negli ultimi 10 anni il posizionamento di uno stent con protezione embolica è diventato una valida alternativa alla endoarterectomia carotidea nei pazienti con grave malattia aterosclerotica della biforcazione extra-cranica. Sono molte le tipologie di pazienti ‹ ad alto rischio chirurgico, sintomatici, asintomatici ecc. ‹ che sono stati studiati o che sono oggetto di valutazione in studi multicentrici in atto in Europa e negli Stati Uniti. I dati sinora disponibili suggeriscono che, nella coorte dei pazienti ad alto rischio chirurgico, il posizionamento dello stent carotideo è statisticamente alla pari con l'endoarterectomia, con una forte indicazione alla superiorità in almeno 2 studi, SAPPHIRE e ARCHeR. Oltre a questi imporanti studi clinici in corso, negli Stati Uniti l'addestramento dei medici, le procedure di risarcimento e lo sviluppo di registri sono ancora in una fase evolutiva iniziale. .

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina