Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2004 Ottobre;52(5) > Minerva Cardioangiologica 2004 Ottobre;52(5):391-406

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA


Minerva Cardioangiologica 2004 Ottobre;52(5):391-406

lingua: Inglese

Intravascular ultrasound assessment of coronary atherosclerosis and percutaneous interventions

Von Birgelen C., Hartmann M.


PDF  


L'ecografia intravascolare (intravascular ultrasound, IVUS) è una tecnica basata sull'uso di cateteri che fornisce immagini cross-sezionali ad alta risoluzione sia del lume che della parete delle coronarie. Recentemente diversi studi scientifici hanno stabilito che l'IVUS rappresenta un valido mezzo per la valutazione della storia naturale dell'aterosclerosi coronarica e dell'effetto di diversi interventi di tipo farmacologico e non sulla progressione-regressione dell'aterosclerosi. I nuovi approcci tecnici che utilizzano i dati di radiofrequenza IVUS possono fornire ulteriori, interessanti, informazioni sulle caratteristiche della parete dei vasi ma richiedono ulteriori validazioni. Inoltre, numerosi studi clinici hanno utilizzato l'IVUS per valutare il decorso a breve e a lungo termine dei diversi interventi coronarici per via percutanea, compreso l'impianto di stent a rilascio farmacologico. Oltre all'importanza della IVUS nel campo degli studi clinici, essa può essere clinicamente utile per la valutazione delle lesioni angiograficamente ambigue, per le procedure interventistiche e per la gestione delle complicanze. Gli aspetti nei quali l'IVUS può essere particolarmente utile sono: le lesioni ostiali e a carico delle biforcazioni, la presenza di malattia aterosclerotica diffusa, le lesioni gravemente calcificate o molto serrate, vasi relativamente piccoli, nel caso di pazienti diabetici e nel caso in cui siano stati impiantati stent a lunga permanenza o ne vengano impiantati di nuovi. Questo articolo fornisce una panoramica sull'importanza dell'IVUS per la valutazione dell'aterosclerosi coronaria e degli interventi coronarici per via percutanea. In questo contesto, riassumiamo una selezione di studi recenti sulla metodica IVUS che forniscono nuove e interessanti informazioni in questo campo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail