Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2004 April;52(2) > Minerva Cardioangiologica 2004 April;52(2):65-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,695


eTOC

 

REVIEW  FIBRILLAZIONE ATRIALE


Minerva Cardioangiologica 2004 April;52(2):65-72

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Molecular biology of atrial fibrillation

Brugada R.


PDF  


La fibrillazione atriale rappresenta la forma di aritmia di più comune riscontro nella pratica clinica. Nonostante i progressi compiuti nel trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, grazie all'introduzione della terapia ablativa mediante radiofrequenze, le opzioni terapeutiche sono rimaste sostanzialmente invariate e sono tuttora finalizzate al controllo della frequenza cardiaca e alla scoagulazione. Attualmente si stanno sviluppando nuove tecniche di tipo chirurgico e di tipo ablativo. Entrambe sono molto promettenti, tuttavia sono estremamente complesse e sono disponibili a un numero assai limitato di pazienti. L'incompleto successo nella terapia della fibrillazione atriale è dovuto in parte alla nostra scarsa conoscenza della sua fisiopatologia molecolare. La ricerca biomolecolare sulla fibrillazione atriale si è focalizzata su 2 aspetti principali: l'identificazione dei geni che svolgono un ruolo nell'iniziazione della patologia e l'alterata espressione genica nel corso della patologia medesima. Questi studi sono finalizzati all'individuazione dei fattori che scatenano la forma acuta, nonché dei fattori che mantengono l'aritmia e la convertono in una forma cronica. Gli sviluppi della ricerca genetica e biomolecolare verosimilmente ci forniranno nuovi elementi per comprendere i meccanismi responsabili dello sviluppo della patologia e per formulare nuove opzioni terapeutiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail