Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2004 February;52(1) > Minerva Cardioangiologica 2004 February;52(1):55-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 2004 February;52(1):55-60

lingua: Inglese, Italiano

Un caso di anomalia della biforcazione carotidea scoperta durante un intervento di tiroidectomia

Conforti M., Rispoli P., Maselli M., Scovazzi P., Lazzaro D., Zan S., Massucco S., Raso A. M.


PDF  


Le anomalie anatomiche dei tronchi sovraaortici e dei loro rami sono relativamente frequenti. Spesso rimangono asintomatiche per tutta la vita, anche se in alcuni casi, soprattutto se non conosciute, possono complicare interventi chirurgici che coinvolgono tale regione anatomica. Noi riportiamo il caso di una paziente alla quale, durante un intervento chirurgico di tiroidectomia, è stata legata l'arteria carotide esterna, scambiata per la tiroidea. La dissezione dell'area consentì di identificare un'anomalia delle strutture vascolari, con una biforcazione carotidea che risultava essere assai bassa, una carotide interna a decorso profondo sulla fascia prevertebrale, un'arteria tiroidea inferiore assente. Nel postoperatorio la paziente fu sottoposta ad angio RMN del collo, che evidenziò una anomalia anatomica della biforcazione carotidea sinistra, estremamente più bassa del normale. Fu tentata una ricostruzione dell'arteria carotide esterna con una vena safena, ma senza successo. L'incidente non ebbe complicazioni gravi per la paziente, ma ci si chiede, se, dato il basso costo e l'assoluta non invasività dell'esame, non valga la pena eseguire un eco Doppler dei tronchi sovraaortici prima di un qualunque intervento nella regione cervicale, in considerazione soprattutto della pericolosità di tali strutture vascolari e dell'utilità di studiare patologie che spesso rimangono silenti fino al verificarsi di un evento che può essere catastrofico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail