Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2004 Febbraio;52(1) > Minerva Cardioangiologica 2004 Febbraio;52(1):49-54

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Cardioangiologica 2004 Febbraio;52(1):49-54

lingua: Inglese, Italiano

Analisi tomografica con tallio-2001 della perfusione miocardica in pazienti con lupus eritematoso sistemico

Astorri E., Pattoneri P., Calbiani B., Ridolo E., Dall'Aglio P. P.


PDF  


In corso di lupus eritematoso sistemico (LES), il coinvolgimento del sistema cardiovascolare è di frequente osservazione. Le manifestazioni cliniche legate alla presenza di una cardiopatia coronarica non sono frequenti nei pazienti LES di giovane età; negli stessi, la presenza di una vasculopatia coronarica infiammatoria o trombotica risulta spesso documentata dall'esame anatomo-istologico, in assenza di precedenti manifestazioni cliniche. L'intento dello studio è di valutare la presenza di immagini di difetto perfusionale miocardico in pazienti LES.
Lo studio è stato condotto in 15 pazienti LES privi di dati clinici suggestivi di ischemia miocardica, 1 di sesso maschile e 14 di sesso femminile da 24 a 44 anni di età, affetti da LES da 10,2±7,5 anni; tutti erano normotesi e presentavano reperti normali all'esame elettrocardiografico ed ecocardiografico-Doppler. In tutti è stato condotto un esame scintigrafico con tallio-201 al termine del test ergometrico, ripetuto a riposo dopo 3 ore, con analisi tomografica SPECT. Il test ergometrico, condotto fino a un carico submassimale, non ha indotto modificazione del segmento ST o sintomi significativi.
L'immagine scintigrafica SPECT era normale in 11/15 pazienti, mentre negli altri 4 è comparso un difetto perfusionale di moderata entità, in 3 nel segmento inferiore, in 2 non reversibile e in 1 reversibile e un difetto non reversibile nel segmento settale. Quattro pazienti presentavano un difetto perfusionale di moderata entità, prevalentemente non reversibile in sede inferiore, quadro che frequentemente può rappresentare un'immagine falsamente positiva.
Nei giovani pazienti LES asintomatici, lo studio non sembra suggerire importanti riscontri indicativi di ischemia miocardica e suggestivi della presenza di una significativa ostruzione coronarica o di vasculite.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail