Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 August;51(4) > Minerva Cardioangiologica 2003 August;51(4):411-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Minerva Cardioangiologica 2003 August;51(4):411-6

lingua: Italiano

L'insufficienza venosa cronica. Studio in aperto, su FLEBS Crema®

Consoli A.


PDF  


Obiettivo. Questo studio è stato realizzato per verificare l'efficacia e la tollerabilità di FLEBS CREMA in soggetti che presentavano disturbi funzionali legati a insufficienza venosa e/o linfatica non complicata. Questo prodotto contiene estratti vegetali di Ruscus aculeatus e Melilotus officinalis, che determinano l'azione vasocostrittrice e antiedematosa del composto.
Metodi. Le pazienti sono state sottoposte, per 3 settimane, ad un trattamento consistente nell'applicazione 2 o 3 volte al giorno, di FLEBS CREMA su entrambe le gambe, e si è valutato l'andamento di edemi, crampi, formicolii o parestesie, dolore, prurito, pesantezza alle gambe e varicosità o telangectasie, durante il trattamento. Sono state valutate inoltre le caratteristiche dermocosmetiche e la tollerabilità del prodotto.
Risultati. I risultati ottenuti mostrano miglioramenti per tutti i sintomi analizzati, anche se di entità diversa. I migliori risultati si sono ottenuti per edema, dolore, prurito e pesantezza alle gambe, sintomi per i quali si è ritrovata, dopo analisi statistica, una differenza significativa tra basale e fine trattamento.
Conclusioni. Considerando che non sono state registrate reazioni avverse e che anche le caratteristiche dermocosmetiche del prodotto sono state valutate positivamente sia dal medico che dalle pazienti, il giudizio finale su FLEBS CREMA è stato eccellente/buono nell'80-90% sia da parte dei medici che delle pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail