Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 August;51(4) > Minerva Cardioangiologica 2003 August;51(4):405-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

NOTE DI TECNICA  


Minerva Cardioangiologica 2003 August;51(4):405-10

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Trattamento di un aneurisma venoso femorale con foam-sclerotherapy

Cesarone M. R., Belcaro G., Nicolaides A. N., Geroulakos G., Caciagli F., Cornelli U.


PDF  


Gli aneurismi venosi sono poco comuni. Le dilatazioni venose e le varici possono essere trattate con iniezione di schiuma ed agenti sclerosanti seguite da compressione locale con conseguente trombosi dello spazio aneurismatico. Tuttavia l'uso della «foam-sclerotherapy» per chiudere aneurismi venosi non è mai stata descritta in precedenza. L'occlusione o la sclerosi dello spazio aneurismatico può essere ottenuta senza alterare il flusso nella vena femorale. Descriviamo il caso di una paziente di sesso femminile, di 65 anni, senza storia di trauma nella regione femorale, dove era presente una massa non dolente, facilmente comprimibile. Con color-duplex scanning si evidenziava una larga cavità (4 x 4 x 6 cm) in cui era rilevabile flusso venoso. Il flusso produceva un jet venoso rilevabile con color-duplex proveniente dalla vena femorale comune. È stata eseguita una prima iniezione eco-guidata con 10 ml di schiuma, inclusi 4 ml di STD al 3%. Durante l'iniezione la vena femorale è stata compressa con la sonda per evitare il passaggio della schiuma nella vena. Il controllo ecografico dopo 2 settimane rilevava solo una occlusione parziale dell'aneurisma. La procedura è stata ripetuta, e dopo altre 2 settimane l'ecografia mostrava l'occlusione completa della dilatazione. Dopo 12 settimane la situazione si presentava invariata.
La metodica, mai descritta in precedenza, rappresenta un metodo importante, minimamente-invasivo, di trattamento degli aneurismi venosi. Dovranno essere disponibili risultati da studi più ampi per definire le indicazioni e le modalità di trattamento.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail