Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 Agosto;51(4) > Minerva Cardioangiologica 2003 Agosto;51(4):349-60

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

 

Minerva Cardioangiologica 2003 Agosto;51(4):349-60

 REVIEW

Organic nitrate tolerance and endothelial dysfunction: role of folate therapy

Leopold J. A., Loscalzo J.

La tolleranza ai nitrati organici è stata dimostrata in pazienti con sindromi coronarie acute in seguito a terapia continuativa a lungo termine; in particolare tale intolleranza si manifesta tra le 24 e le 48 ore dopo la somministrazione di un preparato a base di nitrati. I protocolli di dosaggio che comprendono un periodo libero da nitrati spesso non si rivelano in grado di contrastare lo sviluppo dell'intolleranza ai nitrati e possono in definitiva condurre ad un aumento dell'ischemia di ritorno. Al fine di spiegare il fenomeno della tolleranza ai nitrati, sono stati proposti diversi meccanismi, i quali comprendono la deplezione dei tioli intracellulari mediata dai nitrati e l'aumentata formazione delle specie reattive dell'ossigeno. Recentemente è stata ritenuta responsabile dello sviluppo della tolleranza ai nitrati l'aumentata produzione di superossido, dovuta al disaccoppiamento tra l'isoforma endoteliale dell'enzima ossido nitrico sintetasi e/o all'aumentata attività della NAD(P)H ossidasi. Sulla base di queste osservazioni, allo scopo di contrastare la tachifilassi ai nitrati sono state elaborate delle strategie che modulano la produzione delle specie reattive dell'ossigeno. È stato dimostrato che l'acido folico e i suoi derivati sono in grado di prevenire la tolleranza ai nitrati impedendo il disaccoppiamento dell'ossido nitrico sintetasi e, di conseguenza, la produzione di superossido catalizzata da tale enzima: il risultato è un miglioramento della funzionalità endoteliale. Pertanto l'acido folico, che presenta un buon profilo di tollerabilità, può rappresentare un semplice intervento farmacologico volto a prevenire la tolleranza ai nitrati, con un ampio spettro di applicazione nel trattamento della patologia vascolare aterotrombotica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina