Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 Giugno;51(3) > Minerva Cardioangiologica 2003 Giugno;51(3):287-94

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi

Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0026-4725

Online ISSN 1827-1618

 

Minerva Cardioangiologica 2003 Giugno;51(3):287-94

 REVIEW

Stratificazione del rischio tromboembolico nel paziente con fibrillazione atriale. Ruolo dell'ecocardiografia

Carerj S., Micari A., Di Rosa S., Pugliatti P., Cerrito M., Zito C., Coglitore S., Luzza F., Arrigo F.

La fibrillazione atriale (FA) è l'aritmia che si riscontra più frequentemente nella pratica clinica e rappresenta la più frequente condizione predisponente ad eventi tromboembolici in pazienti con o senza valvulopatia. Ciò avviene con un meccanismo riconducibile ad emboli a partenza atriale e/o auricolare, o meno frequentemente, a cardiopatie emboligene associate, quale ad esempio la cardiopatia ischemica complicata da trombosi ventricolare o da lesioni ateromasiche aortiche o carotidee.
Non tutti i pazienti con FA hanno lo stesso rischio tromboembolico e come tale diviene indispensabile stratificarli al fine di identificare quelli a rischio maggiore in modo da effettuare una gestione terapeutica oculata. L'approccio alla stratificazione deve essere multiparametrico comprendendo parametri clinici, di laboratorio e strumentali. Numerosi trials hanno dimostrato come un ruolo importante venga svolto dall'ecocardiografia che permette di valutare parametri sia di tipo anatomico che funzionale, associati al rischio cardioembolico. L'utilizzo dell'ecocardiografia transesofagea (ETE), come complemento alla transtoracica, ha notevolmente migliorato la quantità e la qualità di informazioni che la metodica ultrasonografica può darci. Infatti la metodica transtoracica (ETT) non è in grado di studiare le strutture cardiache posteriori e come tale ha una sensibilità nella evidenziazione dei trombi del 33-72%. L'ETE ha superato questi limiti intrinseci alla metodica transtoracica raggiungendo una sensibilità e specificità che in vari trials è risultata prossima al 100%
L'ecocardiografia rappresenta una metodica ormai indispensabile nella gestione del paziente con FA grazie alla possibilità di ottenere in maniera semplice, ripetibile, e in breve tempo una serie di parametri strumentali che inseriti nel contesto clinico di ogni singolo paziente, consentono di effettuare una adeguata stratificazione del rischio tromboembolico.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina