Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 Giugno;51(3) > Minerva Cardioangiologica 2003 Giugno;51(3):261-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2003 Giugno;51(3):261-74

lingua: Inglese

Myocardial hibernation. Clinical and pathological perspectives

Frangogiannis N. G.


PDF  


L'ibernazione miocardica definisce uno stato di persistente disfunzione contrattile ventricolare regionale, in pazienti affetti da patologia coronaria reversibile per mezzo della rivascolarizzazione. L'identificazione dei segmenti di miocardio ibernato è di importanza cruciale per la selezione dei pazienti che presentano maggiori probabilità di trarre giovamento dalle procedure di rivascolarizzazione. La tomografia a emissione di positroni, la scintigrafia con tallio, l'ecocardiografia da stress farmacologico (dobutamina), l'ecocardiografia con contrasto del miocardio e a risonanza magnetica nucleare sono state largamente impiegate per l'identificazione di segmenti vitali di miocardio malfunzionante. Sebbene l'ipoperfusione cronica e i ripetuti episodi di breve ischemia possano svolgere un ruolo nel mediare le modificazioni associate all'ibernazione miocardica, gli esatti meccanismi patogenetici non sono conosciuti con precisione. Le alterazioni strutturali che si riscontrano a livello dei segmenti di miocardio ibernato coinvolgono sia i miociti che l'interstizio cardiaco. La deplezione degli elementi contrattili, la perdita dei miofilamenti, la disorganizzazione delle proteine del citoscheletro dei miociti e le modificazioni della densità dei recettori adrenergici sono state riscontrate nei segmenti di miocardio con disfunzione sistolica reversibile e possono essere responsabili dell'ipocontrattilità segmentale. Inoltre, è stata osservata l'attivazione della cascata infiammatoria, che porta all'induzione delle citochine e delle chemochine, al reclutamento dei linfociti, al rimodellamento dell'interstizio e alla fibrosi. L'ibernazione miocardica rappresenta una parte dello spettro delle cardiomiopatie ischemiche; essa consiste in un continuo processo dinamico in assenza di un completo infarto del miocardio e conduce, in ultima analisi, al danno irreversibile e alla disfunzione miocardica. La comprensione degli specifici segnali molecolari coinvolti nella patogenesi dell'ibernazione miocardica è di cruciale importanza al fine di progettare strategie che prevengano la disfunzione miocardica irreversibile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail