Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 April;51(2) > Minerva Cardioangiologica 2003 April;51(2):131-42

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  SCOMPENSO CARDIACO


Minerva Cardioangiologica 2003 April;51(2):131-42

lingua: Inglese

Diastolic heart failure. Diagnosis, prognosis, treatment

Zile M. R.


PDF  


È oggi largamente riconosciuto che lo scompenso cardiaco congestizio causato da una compromessa funzionalità prevalentemente diastolica (ovvero, lo scompenso cardiaco diastolico) costituisce una patologia di frequente riscontro e determina un significativo aumento della morbilità e della mortalità. Tuttavia, persiste un'irrisolta controversia circa la terminologia utilizzata per descrivere i pazienti affetti da scompenso cardiaco e circa i criteri impiegati per diagnosticare lo scompenso cardiaco diastolico. Di conseguenza, la realizzazione opportuni studi clinici di trattamento ha presentato notevoli rallentamenti e difficoltà. Fortunatamente, da queste controversie sta emergendo un crescente consenso. Studi clinici recenti hanno fornito dati sufficienti per lo sviluppo di criteri diagnostici standardizzati per definire lo scompenso cardiaco diastolico. Studi sperimentali hanno condotto a una maggiore comprensione dei meccanismi responsabili dello scompenso cardiaco diastolico. Nel loro insieme, questi studi clinici e sperimentali vengono utilizzati per progettare sperimentazioni cliniche mirate a valutare i trattamenti efficaci per lo scompenso cardiaco diastolico. La finalità di questa review è quella di descrivere i criteri utilizzati per diagnosticare lo scompenso cardiaco diastolico, gli effetti dello scompenso cardiaco diastolico sulla prognosi del paziente e gli approcci terapeutici impiegati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail