Home > Riviste > Minerva Cardioangiologica > Fascicoli precedenti > Minerva Cardioangiologica 2003 February;51(1) > Minerva Cardioangiologica 2003 February;51(1):15-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA CARDIOANGIOLOGICA

Rivista sulle Malattie del Cuore e dei Vasi


Official Journal of the Italian Society of Angiology and Vascular Pathology
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,752


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Cardioangiologica 2003 February;51(1):15-20

lingua: Inglese

T wave alternans for ventricular arrhythmia risk stratification

Sturdivant J. L., Gold M. R.


PDF  


La morte cardiaca improvvisa rimane una delle principali cause di morte in Europa e negli Stati Uniti. Ne consegue che la capacità di identificare i pazienti ad alto rischio di morte cardiaca improvvisa è importante per porre in atto adeguate strategie terapeutiche. In tempi recenti, l'onda T alternante (TWA) si è dimostrata un nuovo promettente test per la stratificazione di tale rischio. La TWA rappresenta un indice di vulnerabilità aritmica correlato alla frequenza cardiaca, con livelli massimi di accuratezza predittiva per frequenze sostenute e regolari di 100-120 b/m. Nell'ambito clinico, queste condizioni possono essere raggiunte sotto sforzo o mediante pacing atriale. La TWA si è dimostrata in grado di predire la possibilità di scatenare una tachicardia ventricolare con una stimolazione programmata e anche episodi aritmici spontanei. La TWA è stata applicata con successo a gruppi di pazienti diversi: coronaropatici, portatori di cardiomiopatia non-ischemica, scompenso cardiaco congestizio o defribillatori impiantabili. Nonostante questi promettenti risultati, sono indispensabili ulteriori studi per meglio definire il ruolo della TWA nell'indicazione terapeutica in ambito clinico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail